Home Chi siamo Finalità del comitato Le Associazioni aderenti Il parco della Cavallera Parco dei colli Briantei Rete ecologica Patrimonio storico

Associazione per i parchi del Vimercatese

COMUNICATI STAMPA

N. 3/2007 - 31 Ottobre

PEDEMONTANA: LETTERA APERTA AL SINDACO DI ARCORE

Al sindaco di Arcore Avv. Marco Rocchini,
All’assessore all’ambiente Sig. Moreno Firmo
Gent.le Sindaco, Gent.Le Assessore,
Il progetto definitivo della nuova autostrada Pedemontana è ormai in avanzata fase di realizzazione, il CIPE ha stanziato i fondi necessari e quindi l’autostrada si farà, nostro malgrado.
L’impatto della nuova infrastruttura sul territorio di Arcore sarà pesante, molto pesante. Si pensi all’occupazione del territorio, ai cantieri che dureranno per anni, al traffico locale che verrà decisamente incrementato dai mezzi in transito per la realizzazione dell’opera, all’incremento dell’inquinamento atmosferico e sonoro.
Come noto l'associazione per i Parchi del Vimercatese ha lanciato una campagna per la difesa dei Boschi di Bernate area di pregio già inserita nel Parco dei colli Briantei di recente istituzione. Nell'ambito di questa campagna, che continuerà ancora, abbiamo organizzato proprio sul territorio di Arcore, alcuni eventi rivolti al pubblico per far conoscere la bellezza di un luogo ricco di natura come il Parco dei colli.
La risposta dei cittadini è andata al di là di ogni più rosea previsione, grande partecipazione e soprattutto decisa presa di coscienza della ricchezza dei luoghi che la Pedemontana, se dovesse passare a raso e non in galleria, inevitabilmente distruggerà per sempre.
Conosciamo grazie a quanto letto sulla stampa locale la posizione dell’ amministrazione di Arcore che intende richiedere con forza agli enti competenti che l’autostrada passi in galleria profonda a Bernate. Una posizione che abbiamo accolto ed accogliamo con estremo favore perchè collima esattamente con le richieste espresse dalla nostra campagna.
Crediamo però, e questo è il motivo di questa lettera aperta, che sia giunto il momento di coinvolgere anche i cittadini in una scelta che segnerà il futuro del comune, il suo sviluppo futuro ed il mantenimento di un livello di qualità della vita accettabile nel loro comune di residenza.
Per questo chiediamo all’amministrazione comunale di Arcore di operare in modo analogo a quanto già fatto dagli altri comuni interessati dall’attraversamento dell’autostrada indicendo al più presto un’assemblea pubblica per spiegare ai cittadini non solo il progetto nel suo insieme ma anche e soprattutto le mitigazioni ambientali che la giunta intende richiedere.
Siamo fiduciosi che l’amministrazione non vorrà rinunciare ad un confronto pubblico con i cittadini e con le Associazioni perchè solo da un dialogo costruttivo potranno emergere delle strategie comuni atte a mitigare un progetto infrastrutturale che, se realizzato solo guardando al costo dell’opera, distruggerebbe non solo i boschi di Bernate ma l’identità stessa del nostro territorio.
In attesa di un vostro gentile riscontro porgiamo
Cordiali Saluti
Associazione per i Parchi del Vimercatese – Il Consiglio direttivo


N. 2/2007 - 15 Giugno 2007

SALVIAMO I BOSCHI DI ARCORE ED IL PARCO DEI COLLI BRIANTEI … con un CLICK !

I boschi di Arcore ed il Parco Locale dei Colli Briantei sono a rischio. La minaccia è costituita dalla realizzazione della nuova autostrada Pedemontana.
Il tracciato provvisorio indicato dalla società appaltatrice prevede l’attraversamento del Parco dei Colli in località Bernate di Arcore. Il progetto iniziale prevedeva il passaggio dell’autostrada in galleria profonda, proprio per salvaguardare il territorio naturale della collina di Bernate ed i suoi boschi. Invece la bozza di progetto presentato recentemente ha cancellato la galleria e propone un passaggio forse in trincea e, più probabilmente, “a raso”, la cui realizzazione è ovviamente molto più economica ma significa la distruzione del parco appena creato.
L’Associazione per i Parchi del Vimercatese chiede con forza a tutte le istituzioni che la nuova autostrada passi in GALLERIA PROFONDA.
Ecco i motivi principali del nostro appello:

• La collina di Bernate con i suoi boschi e i casotti rurali rappresenta uno degli ambienti più importanti del nuovo Parco dei Colli Briantei, voluto dai cittadini e dalle Amministrazioni di Arcore, Camparada, Usmate Velate. Il Parco dei Colli Briantei fa parte del progetto ‘DORSALE VERDE’ della Provincia di Milano e costituisce un importate corridoio ecologico di collegamento tra il Parco della Valle Lambro e i Parchi situati più ad Est (Molgora, Montevecchia e Valle del Curone). L’autostrada in superficie spezzerebbe irrimediabilmente la continuità di queste aree verdi.
• Il passaggio di un’autostrada “a raso”in un territorio pressoché intatto porta con sé l’inevitabile urbanizzazione soprattutto a carattere industriale. Si pensi a quello che è successo nelle aree attraversate dall’autostrada A4, dalle tangenziali milanesi o dalla superstrada Milano-Meda. Il nostro territorio è già stato impattato pesantemente dalla cementificazione selvaggia, è ora di cambiare.
• Il Laghettone, invaso naturale sito nel territorio di Bernate, deve sopravvivere e continuare a svolgere la sua funzione di contenimento delle acque piovane limitando i rischi di allagamento già oggi presenti per alcune località di Arcore ed Usmate-Velate. L’urbanizzazione che seguirà alla costruzione della strada non potrà che acuire il problema della scarsità dell’acqua che spesso affligge i nostri comuni già oggi costretti ad emanare delibere estive per limitarne l’utilizzo.
• L’autostrada innalzerà notevolmente l’inquinamento atmosferico e acustico del nostro territorio, e non solo per gli scarichi derivanti dal traffico veicolare, ma anche perché verranno tagliati centinaia di alberi per fare posto all’ingombrante sede stradale, e ci priveremo del privilegio di godere di un’aria più pulita e fresca d’estate.

Per tutti questi motivi la nostra Associazione ha promosso la campagna ‘SALVIAMO I BOSCHI DI BERNATE’ per sostenere il diritto delle amministrazioni di Arcore e di Usmate-Velate di richiedere a Regione e Provincia che il territorio di questi comuni non venga stravolto dal passaggio della nuova arteria stradale.
Per sostenere la campagna abbiamo promosso una petizione on-line il cui testo è reperibile sul sito www.parchivimercatese.brianzaest.it . La petizione è indirizzata al ministro di Pietro, al presidente della regione Lombardia a quello della Provincia di Milano ed ai sindaci di Arcore, Usmate-Velate, Camparada e Vimercate e richiede che la nuova autostrada passi nel tratto di Arcore Bernate in galleria profonda e non 'a raso'.
Sul sito è presente anche una simulazione, tratta da foto aeree della zona, che mostra la collina di Bernate così com’e’ oggi e come potrebbe diventare dopo l’ennesima colata di cemento seguente alla realizzazione dell’autostrada ‘a raso’. Si tratta di un fotomontaggio ma temiamo possa divenire realtà.


N. 1/2007 - 3 Giugno 2007

PALAZZONI DI UNDICI PIANI NELL'AREA EX-FALCK DI ARCORE ? NO GRAZIE

Abbiamo appreso dai giornali locali del progetto di riqualificazione dell’area Falck di Arcore attualmente di proprietà della società di costruzioni ‘Devero’.
Riteniamo davvero inquietante la proposta avanzata dal costruttore che prevederebbe di rivedere le volumetrie edificabili previste nel Piano Regolatore in vigore portandole addirittura a 180 mila metri cubi di edilizia residenziale contro i 60 mila inizialmente previsti.
Addirittura si pensa di costruire 400 nuove abitazioni disposte su 14 palazzine alte dai 5 agli 8 piani oltre ad un grande albergo alto ben 11 piani.
Il nostro appello per evitare questo scempio urbanistico è indirizzato innanzitutto al Sindaco ed alla giunta di Arcore che hanno già espresso pubblicamente tutte le loro perplessità nei confronti del progetto ed a cui chiediamo di non cedere alle richieste avanzate.
Concordiamo con l’amministrazione comunale nel ritenere che Arcore non possa sostenere un impatto di questo tipo, si pensi ad esempio ai potenziali 1200 nuovi residenti, alle 800 nuove automobili, all’impatto visivo di mega-strutture che nulla hanno a che fare con il tessuto urbanistico della città.
Accanto alle osservazioni già riportate vogliamo evidenziare tra gli altri l’impatto che avrebbe una realizzazione di questo tipo sul problema ‘acqua’. Già oggi Arcore soffre nei mesi estivi di una carenza cronica di acqua potabile, tanto che di recente è stata promulgata dal sindaco un’ordinanza restrittiva dell’uso di acqua nelle abitazioni private, cosa succederebbe se di colpo 400 nuove famiglie si insediassero sul nostro territorio ?
Per tutti questi motivi chiediamo all’amministrazione comunale di Arcore di considerare l’area Falck non come un problema, ma come un’opportunità.
Chiediamo di contenere l’edificazione entro il limite di 60 mila mc previsti dal PRG e di cogliere l’occasione per riqualificare l’area con la creazione di un grande spazio verde, un grande parco nel centro di Arcore.
Il futuro urbanistico della città si gioca con la scelta che verrà operata su quest’area. L’Amministrazione comunale può ancora decidere se Arcore dovrà ospitare palazzoni grigi oppure spazi di socialità, noi chiediamo agli amministratori di operare una scelta nell’interesse della comunità, una scelta coraggiosa, una scelta capace di futuro. La stragrande maggioranza dei cittadini di Arcore sarà dalla loro parte, ne siamo convinti.

ASSOCIAZIONE PER I PARCHI DEL VIMERCATESE
Per informazioni parchivimercatese@brianzaest.it ; www.parchivimercatese.brianzaest.it


N. 3/2006 - 6 Settembre 2006

In bicicletta nel “Parco dei Colli Briantei” – 24 settembre

In occasione della manifestazione “Lombardia in Bici”, promossa dalla FIAB, si terrà do-menica 24 settembre la “Biciclettata nel Parco dei Colli Briantei” organizzata dal Comitato Parchi della Brianza Vimercatese, un insieme di associazioni locali che operano per fare conoscere e valorizzare le nuove realtà dei Parchi Locali Sovracomunali.
Il territorio di questo nuovo Parco è costituito dai 540 ettari di campagna, boschi, sentieri e colline distribuiti tra i Comuni di Camparada, Usmate e Arcore.
Provenienti dai Comuni circostanti, diversi gruppi di ciclisti si ritroveranno alle 15.30 circa presso la Villa Scaccabarozzi di Usmate - Velate, da cui ripartiranno per una pedalata di circa 1 ora nelle zone più interessanti del Parco; l’escursione terminerà con un rinfresco nel parco della Cassinetta di Velate, gentilmente messo a disposizione dal Circolo di Legambiente di Velate.

Partenze con ritrovo alle ore 14.15 da: Vimercate (Villa Sottocasa – ingresso principale), Concorezzo (Villa Zoia), Arcore (piazzale Villa Borromeo) e Villasanta (parco La Ghirin-ghella); alle ore 15 da Camparada (piazza Municipio).

La partecipazione, gratuita, è aperta a tutti, per info consultare il sito : www.parchivimercatese.brianzaest.it o telefonare a: 039 670092 – 039 6040088 – 039 6012203 – 338 2375918


N. 2/2006 - 12 Maggio 2006

In bici alla scoperta del parco della Cavallera

Il Comitato Parchi della Brianza Vimercatese nato per promuovere e tutelare il verde nelle nostre zone, con il patrocinio della Provincia di Milano organizza per domenica 28 maggio una biciclettata nel territorio del Parco della Cavallera, parco che é in corso di istituzione da parte dei comuni di Arcore, Concorezzo, Monza, Villasanta e Vimercate e che prende il nome dalla cinquecentesca cascina Cavallera (é visibile in fondo ad una strada alberata sulla destra dopo la ditta Pagani andando da Vimercate ad Arcore).

Da ognuno dei comuni citati, alle ore 14.30 partirà un gruppo di ciclisti che dopo circa un'ora raggiungerà la cascina Cavallera dove una guida ne illustrerà la storia.

Da lì partirà il giro guidato al cuore del parco ancora in grado di offrire scorci di natura inaspettati; alle 17 si approderà alla Cascina Lodovica di Oreno dove verranno organizzati dei giochi per bambini e sarà offerto un rinfresco da parte del ristorante La Fata Verde di Agrate Brianza.

Sarà allestita una piccola mostra sul territorio del parco in corso di istituzione e un banchetto di prodotti del commercio equo e solidale.

Il Comitato Parchi ringrazia "Il ciclista di Concorezzo" (392 - 81 60 561); il Consorzio Assicurativo Etico Solidale (02 - 67 07 80 95) e la Fata Verde (039 - 68 93 110)per la collaborazione prestata.

Per informazioni parchivimercatese@brianzaest.it www.parchivimercatese.brianzaest.it


N. 1/2006 - 10 Maggio 2006

Salviamo i sentieri di campagna

Ogni comune del vimercatese ha una rete storica di sentieri di campagna di almeno 10 chilometri con punte di 20 per i comuni più grandi. Potenzialmente questa rete ciclabile può essere utilizzata per gli spostamenti quotidiani casa-lavoro e casa-scuola contribuendo alla decongestione del traffico.
Attualmente questi sentieri sono utilizzati la domenica solo da pochi appassionati per passeggiate in mezzo ai campi.
Purtroppo questo patrimonio viario si assottiglia sempre più a causa della chiusura con stanghe e recinzioni o, peggio, a causa di arature per eliminare accessi o razionalizzare ulteriormente campi già vasti.
Riconosciamo comunque che tra i pochi a fare interventi per la manutenzione di queste stradine sterrate sono proprio gli agricoltori che, con pazienza, riempiono le buche e tengono tagliati i rovi lungo i bordi.
Questo patrimonio deve essere salvaguardato dalle nostre amministrazioni comunali che, oltre a provvedere alla loro manutenzione lo dovrebbero tutelare evidenziandolo sulle cartografie urbanistiche come "percorsi di interesse pubblico".
Il Comitato parchi della Brianza vimercatese - che si é costituito da un anno - si sta battendo per la valorizzazione dei nostri parchi di interesse sovracomunale e quindi si sta collaborando alla definizione di nuove piste ciclabili e organizzando eventi per far conoscere ai cittadini i parchi a noi più vicini (Parco agricolo della Cavallera e Parco dei Colli briantei).

Segnaliamo a questo proposito che nel pomeriggio di domenica 28 maggio alle ore 14.30 si terrà una biciclettata che partirà da luoghi diversi e convergerà sulla cascina Cavallera e poi sulla cascina Lodovica.
Per informazioni parchivimercatese@brianzaest.it ; www.parchivimercatese.brianzaest.it