Home Chi siamo Finalità del comitato Le Associazioni aderenti Il parco della Cavallera Parco dei colli Briantei Rete ecologica Patrimonio storico








Definiamo insieme il futuro: che fare del nostro territorio?

La serata di lunedì 3 novembre, ha lo scopo di far riflettere sul problema della progressiva cementificazione del nostro territorio e sulle esperienze amministrative che hanno portato a risultati positivi oppure a casi assai discutibili. Da un lato vuol far conoscere l'esperienza innovativa del comune di Cassinetta di Lugagnano, che ha visto amministrazione e cittadini collaborare per evitare di consumare altro suolo con nuove lottizzazioni; dall'altro vuol evidenziare le grandi contraddizioni urbanistiche del nostro territorio. Vuole infine mostrare nuovi valori e nuove modalità per la “progettazione ecologica del territorio”.


Perché porsi il problema del consumo del suolo? Innanzi tutto ricordiamo che l'Assessorato al Territorio, ai Parchi e Agenda 21 della Provincia di Milano l'8 ottobre scorso ha presentato i risultati dello studio sull'impronta ecologica della Provincia. Il valore medio dell'impronta per gli abitanti della provincia di Milano è in linea con il valore medio italiano (4,17 ha/ab); il fatto preoccupante è che il territorio “naturale” rimasto a disposizione dei milanesi (la biocapacità) è molto ridotto per cui il deficit di un abitante della nostra provincia (4,03 ettari/ab) è ben superiore a quello medio italiano (3,1 ha/ab): una differenza in peggio di circa il 30%! Per essere in equilibrio ecologico i nostri comuni dovrebbero avere una superficie di oltre 60 volte quella reale. Questi dati fanno capire quanto sia importante fare ogni sforzo per:
• tutelare il terreno agricolo dalla cementificazione causata sia dalle grandi opere (Pedemontana, EXPO, BRE.BE.MI ecc. con le annesse edificazioni che saranno aggiunte a contorno, vedi autostrada Milano Venezia) sia dal cosiddetto sprawl urbano (la città diffusa) dovuto al dilagare di case e villette
• sostenere progetti come la Dorsale verde, una sorta di “autostrada per la fauna” che potrebbe collegare il Ticino all'Adda grazie ad una serie ininterrotta di di terreni coltivati o boscati.

La tutela del territorio agricolo rimasto è importante dal punto di vista della sicurezza alimentare, dell'equilibrio ecologico, del mantenimento di una fondamentale attività economica, quella dell'agricoltura, che tra i vari benefici ha anche quello di mantenere il paesaggio (a costo zero per le amministrazioni pubbliche), paesaggio nel quale (ancora a costo zero) possiamo rigenerarci lo spirito ritrovando un minimo di contatto con gli animali e le piante.
E' inoltre importante valutare un altro aspetto. Spesso i comuni per poter coprire la spesa corrente approvano lottizzazioni dalle quali ricavano oneri di urbanizzazione.
Le lottizzazioni però portano nuovi abitanti e questi comportano la creazione/potenziamento di nuovi servizi generando nuove spese. In questo modo si crea un circolo vizioso che alla fine porta all'esaurimento di tutto il territorio disponibile.

Occorre quindi che le amministrazioni locali inizino al più presto a pensare a come sostituire queste entrate con altre: in questo processo è fondamentale il coinvolgimento e la responsabilizzazione dei cittadini da motivare grazie ad un'opera di formazione/informazione.

Percentuale di copertura del suolo dei vari comuni della Brianza e del Vimercatese
3 - 25% Cornate d'Adda,Bellinzago, Inzago, Pozzuolo M.
26 - 41% Aicurzio, Bellusco, Busnago, Caponago, Correzzana, Mezzago, Ornago, Roncello, Sulbiate, Triuggio, Usmate Velate
42 - 58% Agrate, Arcore, Bernareggio, Burago, Camparada, Carnate, Concorezzo, Lesmo, Ronco Briantino
59 - 76% Biassono, Brugherio, Carugate, Macherio, Monza, Sovico
77 - 100% Villasanta, Vedano al Lambro, Lissone

Per vedere lo studio sull'impronta ecologica della provincia di Milano e sapere cosa è:
http://www.provincia.mi.it/pianificazione_territoriale/agenda_21/progetti_iniziative/Impronta_Ecologica/
Osservatorio PGT del Vimercatese: www.pgtvimercatese.it www.retelilliput.org